Di Cocco: “Il centrodestra deve iniziare a pensare alle comunali 2021”

I giorni della possibile mozione di sfiducia a Damiano Coletta hanno mostrato come nel centrodestra sia tornato sostanzialmente il sereno. Uno spirito collaborativo che sembra di buon auspicio per il futuro. Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia sono pronti a costruire l’alternativa a Latina Bene Comune e al centrosinistra. Per farlo, però, occorre partire per tempo, come sottolinea il portavoce comunale di Fratelli d’Italia Gianluca Di Cocco. 
«Dobbiamo raccogliere le istanze della gente e fare una politica che non sia ambizione personale ma spirito di servizio per il territorio. Oggi il centro-destra è in evidente salute, ma bisogna continuare in un’azione volta a rinvigorire gli uomini, le donne e le idee prima di tutto. Ripartire dalle persone, dagli quegli uomini e donne di Latina, formare una classe dirigente che sia preparata per svolgere un compito così difficile, che abbia la passione per occuparsi della propria comunità, che adotti comportamenti etici. Amministrare una comunità a qualsiasi livello richiede una grande competenza, non basta entrare in un partito, prendere voti. Occorre una lunga e grande preparazione, come si fa a candidarsi anche a consigliere comunale senza saper leggere e capire un bilancio! Bisogna saper distinguere l’interesse collettivo da quello particolare, e per far ciò bisogna lavorare per “preparare” nuovi amministratori». Insomma, una sorta di “scuola”. «Occorre elaborare un programma politico-amministrativo che tenga conto dei cambiamenti epocali che ci sono stati ed elabori un progetto di sviluppo idoneo a far ripartire la nostra città, a partire dai nostri Borghi e dai nostri quartieri. Solo dopo aver stabilito l’obiettivo e la direzione da intraprendere potremo mettere mano alla riorganizzazione di tutto l’apparato! Unità centro destra, in cui mi auguro possano confluire ogni gruppo civico, che possa avere la forza e la responsabilità di unire e non dividere». 
L’idea di base è quella di «mettere sul tavolo le pregiudiziali sui contenuti programmatici, e confrontarci sul bene della città, il tema delle manutenzioni, della sicurezza, dell’aiuto ai meno bisognosi, dei trasporti, la cultura e l’università, il turismo e il commercio, sono obiettivi che consideriamo tutti imprescindibili. Dobbiamo porre le basi concrete per un programma condiviso, solido e di ampio respiro, solo una volta fatto ciò, vedere se vi è la disponibilità o meno a far parte di una coalizione». Insomma il centrodestra prova a ripartire. Dopo l’estate ci saranno incontri più concreti anche per capire come muoversi per realizzare una serie di iniziative comuni che indichino la strada verso il cambiamento della coalizione e della città. La forza dei numeri espressa dalle recenti elezioni è servita a rasserenare il clima.

https://www.latinaoggi.eu/news/politica/75217/di-cocco-il-centrodestra-deve-iniziare-a-pensare-alle-comunali-2021-?fbclid=IwAR3PcfqfLEaa1mBfxPsnYHDs9QL1gQVtkKq7NTFk-VGoSqTHMCsE6upfwPc

Potrebbero interessarti anche...