Maestri della comunicazione?…ho i miei dubbi

Maestri della comunicazione? ci vogliono convincere di come la vita sia bella, che tutto vada bene, che un sorriso non basta, ce ne vogliono cento, che bisogna essere allegri e scacciare i menagramo, quelli che criticano sempre e vedono fantasmi. 
Da questi manifesti, “pagati con soldi pubblici”, si dovrebbero scoprire le incisive azioni di un amministrazione, i cui risultati sono sotto l’obiettivo di tanti concittadini?
Un’amministrazione che sente la necessità di affiggere questi manifesti significa che ha la percezione che i cittadini non siano minimamente al corrente di quello che il Comune ha fatto in questi anni. 
Pare un’excusatio non petita dove i cittadini non si sono accorti di questi enormi miglioramenti in città.
Latina è in caduta e la superficialità dell’amministrazione è sbalorditiva. Si tenta di riaffermare la credibilità di questa amministrazione, che peraltro cade a pezzi, affiggendo dei manifesti che pare avere il solo sapore di campagna elettorale, il tutto fatto con “fondi pubblici”. Il fatto è grave, l’amministrazione di questo Comune è allo sbando e non ha la minima capacità di risolvere problemi, anzi cerca di riaffermarsi con dei manifesti sparsi in città.
E che di propaganda elettorale si tratti, per giunta last minute, è chiaro a tutti i Latinensi che ogni giorno si confrontano con una quotidianità ben diversa da quella raccontata dal sindaco. L’ho detto e lo ripeterò, penso che Damiano Coletta sia una persona onesta, ma questo non basta, e la città non può permettersi una navigazione a vista che ha condotto solo a rassegnazione e alla perdita di troppe occasioni.
Il problema è che, adesso, la Giunta vuole fare dimenticare il grigiore amministrativo di questi anni e l’assenza di soluzioni strategiche con una comunicazione pubblicitaria francamente spudorata, perché al danno dello spendere i soldi dei contribuenti (pochi o tanti non importa).

Potrebbero interessarti anche...